Comunicazione

17 gennaio 2012 | 15:59

Editoria/ Stampa romana: Governo intervenga per salvare testate

“A rischio oltre 5mila posti di lavoro. In piazza il 18 e 19″

Roma, 17 gen. (TMNews) – “Sono giorni decisivi per la salvaguardia del pluralismo dell’informazione nel nostro paese”.  E’ quanto si legge in una nota congiunta delle rappresentanze sindacale dei giornalisti e dei poligrafici dell’Unità , Manifesto, Liberazione e Terra e dell’Associazione stampa romana.  ”Mentre in Parlamento si discute di come reintegrare le risorse destinate all’editoria politica, cooperativa e no profit, molte storiche testate – si legge nel comunicato – rischiano già  di chiudere i battenti di fronte all’impossibilità  di accedere al credito e in assenza di garanzie minime sulle entrate future. Il Governo Monti deve perciò intervenire immediatamente o sarà  responsabile della morte di tanti giornali, oltre un centinaio, e della perdita di migliaia di posti di lavoro, oltre cinquemila”.  ”Per questo – annuncia la nota – giornalisti e poligrafici delle testate che rischiano di chiudere in questi giorni, o che hanno già  sospeso le pubblicazioni dall’inizio dell’anno, porteranno la loro voce fin sotto Palazzo Chigi mercoledi (18 gennaio) dalle 11 alle 15 e si accamperanno, alla maniera degli indignados, in piazza del Pantheon, per l’intera giornata di giovedi (19 gennaio). Quello partito in questi giorni è un conto alla rovescia che deciderà  del futuro e della qualità  dell’informazione libera in Italia: nessuno – concludono i sindacalisti delle testate promotori dell’iniziativa – può fingere di non saperlo, servono impegni e risposte immediate”.