Comunicazione

17 gennaio 2012 | 16:34

EDITORIA: QUOTIDIANI COOPERATIVE, APPELLO PRES.CONSIGLI REGIONALI

(AGI) – Bari, 17 gen. – “Presidente Monti, lasciar morire testate ‘eroiche’ sarebbe un costo insopportabile per il nostro Paese e una ferita grave per la democrazia”. Il referente nazionale per la comunicazione di tutti i presidenti dei Consigli regionali, il pugliese Onofrio Introna, ha indirizzato una nota alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, associandosi all’appello della Federazione della Stampa a sostegno dei quotidiani editi da cooperative giornalistiche. Il presidente dell’Assemblea pugliese aveva gia’ espresso, a dicembre, le preoccupazioni per il ritardo, da parte del Governo nazionale, nell’erogazione dei contributi 2011 del Fondo per l’editoria. ” Ritardi e difficolta’ nella corresponsione della provvista finanziaria – osserva Introna – aggiungono incertezze ad un quadro occupazionale gia’ precario e minacciano di mettere da qui a poco sul lastrico migliaia di giornalisti e operatori, che finora hanno svolto la loro attivita’ con grande professionalita’, anche a costo di pesanti sacrifici e privazioni, pur di consentire ai rispettivi quotidiani di sopravvivere”. Le risorse pubbliche, a parere di Introna, sono essenziali per garantire il futuro di un centinaio di voci locali, che da anni (spesso, decine d’anni) rappresentano un “presidio irrinunciabile di democrazia e di pluralismo dell’informazione” e sulle quali, “in questo stentato avvio del 2012, grava lo spettro della chiusura, che significa disoccupazione per circa 4mila tra giornalisti, amministrativi e poligrafici e angoscia per le loro famiglie”. A nome delle Assemblee delle Regioni e del Consiglio regionale pugliese, Introna condivide anche l’invito rivolto da FNSI e Associazioni al Governo nazionale ad indirizzare il sostegno pubblico, “in maniera trasparente e coerente, a giornali veri fatti da giornalisti veri”. La richiesta del referente dei Consigli regionali sollecita, peraltro, un intervento del presidente Monti, “risolutivo per il presente” e che possa rappresentare “un segnale di speranza per il futuro, a beneficio di chi opera con onesta’ professionale ed anche dei cittadini e del loro diritto ad un’informazione puntuale e plurale”. (AGI)