Editoria: Cgil, tagli insopportabili. Governo riveda decisione

(ASCA) – Roma, 18 gen – ”L’andata a regime di tagli insopportabili all’editoria rappresenta una vera e propria pietra tombale. Lo abbiamo con tutte le forme possibili denunciato e avevamo purtroppo ragione”. E’ quanto afferma il segretario confederale della Cgil, Fulvio Fammoni, nel criticare l’esclusione dal decreto milleproroghe dei fondi all’editoria. Per il sindacalista ”così si certifica la chiusura, già  iniziata, di tante aziende editoriali e si dà  un colpo durissimo, insopportabile, all’occupazione e alla libertà  di informazione. Le conseguenze sono il tracollo di un settore che fattura 500 milioni di euro, migliaia di lavoratori licenziati, in mobilità  o in Cig sia nelle testate che nell’indotto (produzione carta, grafica, distribuzione)”. ”Si riveda questa decisione nel milleproroghe – conclude Fammoni – o il Governo, che non puo’ lavarsene le mani, annunci un immediato decreto che dia la possibilita’ alle tante realta’ editoriali di non chiudere”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari