Rai/Pd: Sacrifici a soliti noti senza nemmeno sfiorare privilegi

Orfini: Dg non può difendere trattamenti mostruosamente impari

Roma, 18 gen. (TMNews) – Il Pd denuncia la “mostruosità ” in rai fra retribuzioni faraoniche per i livelli più alti e nuove richieste di sacrifici per quelli più bassi. “Che la Rai abbia bisogno di ridurre gli sprechi – ha affermato il responsabile Informazione del pd Matteo Orfini- è evidente a tutti. Non si capisce però perché si debba cominciare, come troppo spesso accade in Italia, chiedendo sacrifici ai soliti noti: i tantissimi precari che vedono sempre più lontana la prospettiva di una vera stabilizzazione, i lavoratori a cui non viene corrisposto il premio di produzione e quelli a cui non viene riconosciuta la qualifica dirigenziale, pur svolgendo quelle funzioni. Per non parlare dei licenziamenti “all’americana” annunciati per Rai Corporation, mentre i veri privilegi non vengono nemmeno sfiorati”. “Lo chiedo rispettosamente al dg e all’ADRAI: ma è tollerabile – ha domandato- in tempi come questi, che permanga una situazione in cui una fascia di top manager ha retribuzioni mostruose, che mantiene anche dopo aver smesso di svolgere le funzioni apicali? E’ possibile che si chiedano sacrifici a coloro che guadagnano qualche centinaia di euro e non a chi ha retribuzioni di centinaia di migliaia di euro? Per non parlare delle super consulenze conferite a pensionati di lusso. Tra l’altro con la riforma Fornero appena approvata, questa assurda situazione si prolungherà  di qualche anno pesando sui conti aziendali e impedendo un pur necessario rinnovamento manageriale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi