Televisione

18 gennaio 2012 | 15:21

TV: BETORI, TALK SWOW EMBLEMA SOCIETA’ CHE NON CERCA VERITA’

(ANSA) – FIRENZE, 18 GEN – Nel mondo attuale il silenzio sembra essere scomparso: “la società  ha smesso di cercare la verità , si sta riempiendo di opinioni che tentano di prevalere l’una sull’altra non in base a buoni argomenti e senza preoccuparsi che esse abbiano un fondamento nella realtà , ma solo per la seduzione o la violenza con cui vengono spacciate”. Lo dice l’arcivescovo di Firenze, monsignor Giuseppe Betori, per il quale “l’emblema di questa situazione sono i talk show televisivi”. Nella lettera alle famiglie che i parroci della diocesi consegneranno durante la benedizione delle case l’arcivescovo, prendendo spunto anche dalla sua recente lettera pastorale su ‘Nel silenzio la Parola’, sottolinea come “abbiamo smarrito il desiderio della verità  e con esso è scomparsa la disponibilità  all’ascolto e al dialogo”. Per Betori “ci si vorrebbe far credere che l’insistenza sulla verità  si configuri come una sottile violenza fatta alla libertà  dell’uomo, che in essa troverebbe un limite. Al contrario – aggiunge -, senza la verità , la libertà  sarebbe priva di orientamento nella sua ricerca, condannata a una perenne insoddisfazione”. Da qui la necessità  di “recuperare il desiderio di verità ” come punto di partenza “di un cammino di ripresa di significato delle nostre parole. Il silenzio è ciò di cui abbiamo bisogno per far nascere un atteggiamento di ascolto conclude Betori richiamando all’educazione al silenzio -, che è il presupposto del felice esito della comunicazione tra gli uomini e con Dio. Sarebbe inutile parlare se non ci fosse qualcuno che ascolta e per ascoltare occorre saper tacere”. (ANSA).