Cinema

18 gennaio 2012 | 15:25

CINEMA: SPETTATORI “THE ARTIST” RIMBORSATI, IGNORAVANO FOSSE MUTO

(AGI/AFP) – Liverpool (Regno Unito), 18 gen. –  Sara’ anche un capolavoro, acclamato dalla critica, onusto di gloria e onori, in procinto di fare cappotto all’imminente cerimonia di consegna dei premi Oscar dopo aver dominato ai Golden Globe, e apprezzato pure dal pubblico, o almeno da una grandissima parte del medesimo: ma non a tutti ‘The Artist’ e’ piaciuto.  In particolare a Liverpool, la citta’ dei Beatles, dove numerosi spettatori hanno preteso il rimborso del prezzo del biglietto dai gestori del cinema ‘Odeon One’, presso il quale e’ in programmazione. Il motivo? Nulla di artistico: semplicemente, nessuno li aveva informati che si tratta di un muto, girato interamente in bianco e nero, e per di piu’ proiettato a schermo ridotto, come usava nell’epoca pionieristica della Settima Arte. E loro non hanno gradito per niente. Una portavoce dello stesso ‘Odeon Cinema One’ ha confermato le bizzarre richieste di indennizzo, e ha ammesso che a chi ha reclamato e’ stata rimborsata la piccola somma sborsata. Unica condizione: l’aver “protestato con il nostro personale entro 10 minuti dall’inizio della pellicola”. La vicenda deve aver generato nei dipendenti della sala una sorta di nevrosi: al quotidiano britannico ‘The Daily Telegraph’ una giovane cinefila, la 25enne Nicola Shearer, ha raccontato infatti che la maschera le ha chiesto per ben due volte se fosse al corrente del fatto che il film e’ privo di sonoro. “Certo che lo sapevo”, e’ stata la risposta della ragazza, “e a quel punto sono stata io a domandarle perche’ lo volesse sapere. Lei mi ha replicato che un sacco di gente si era lamentata, e aveva voluto indietro i soldi”. Altro che understatement inglese… (AGI)