Comunicazione

19 gennaio 2012 | 10:22

Kodak: il simbolo della fotografia verso la bancarotta

(ASCA) – Roma, 19 gen – Eastman Kodak verso la bancarotta. Il simbolo mondiale della fotografia, l’azienda che ha portato la macchina fotografica a prodotto di massa e’ ricorsa al Chapter 11. ”Dopo aver considerato i vantaggi del Chapter 11 il board e tutto il management all’unanimita’ ritengono che si tratti del passo necessario e la cosa giusta da fare per il futuro della Kodak” ha detto il ceo Antonio Perez. Il Chapter 11 consente la protezione delle aziende dai creditori. La storia ultracentenaria della Kodak rischia cosi di finire. ma e’ da anni che l’ex colosso americano fatica a sul mercato dominato dalla tecnologia digitale. Negli ultimi sette anni Kodak ha gia’ ridotto l’organico di 47 mila persone e chiuso 13 stabilimenti. Il corso azioanrio della Kodak sintetizza la crisi progressiva dell’azienda. Nel 1996 a Wall Street valeva 80 dollari mentre ieri a Wall Street e’ sprofondato sotto un dollaro. A meta’ degli anni ’80 impiegava 145 mila persone mente oggi non arrivano a 20 mila. Nel 2007 l’ultimo bilancio in utile della Kodak, fondata nel 1892 da George Eastmen. Il successo della Kodak e’ stata Brownie, una macchina fotografica venduta a prezzi popolari fornita di pellicola che ha consentito a diverse generazioni di americani e europei di diventare fotografi e soprattutto ha garantito ingenti profitti alla societa’. Per decenni la Kodak e’ stata l’icona dello sviluppo tecnologico come oggi lo sono Apple e Google. Per paradosso e’ stata proprio la Kodak la prima azienda al mondo a sperimentare la tecnologia digitale nella fotografia negli anni ’70 ma sono stati i giapponesi a incassare i benefici della nuova tecnologia negli anni ’90 e da allora e’ iniziato il calvario della Kodak.