CINEMA: BORG “CAMPAGNA PROMOZIONALE E UNIFICARE GIORNO BIGLIETTO RIDOTTO”

ROMA (ITALPRESS) – “Vogliamo fare in modo che in Italia il giorno del biglietto a prezzo ridotto al cinema sia lo stesso ovunque? Se ci fosse una giornata unica in tutta Italia, si potrebbe imbastire una grande campagna nazionale per convincere il pubblico”. E’ l’idea di Richard Borg, neo presidente dei distributori Anica, intervistato dal Giornale dello Spettacolo. “Uno dei principali obiettivi che abbiamo tutti, distributori, produttori ed esercenti – spiega Borg – e’ capire come allargare il nostro mercato.  Bisogna convincere il pubblico che il cinema e’ un bene che va utilizzato di piu’, per divertirsi, per imparare, per ampliare la propria cultura. Oggi in Italia si va a vedere un film, non si va al cinema”.  Un’altra proposta del presidente dei distributori e’ che i film escano tutti lo stesso giorno. “Oggi – spiega – si disorienta il pubblico uscendo chi di mercoledi’, chi di giovedi’, chi di venerdi’”. Per Borg il giorno piu’ logico sarebbe il giovedi’, ma “se invece vogliamo imitare i francesi, usciamo il mercoledi’, unificando la giornata a prezzo ridotto e quindi con una esplosione di incassi”.  Sempre con l’obiettivo di ampliare il mercato, per Borg servono piu’ schermi. “Quelli attuali – dice – sono insufficienti e anche distribuiti male, con concentrazioni e vuoti. Cio’ non aiuta certo a portare piu’ gente al cinema”. Importante e’ anche puntare di piu’ sulle uscite estive. “E’ vero che a luglio e agosto gli incassi diminuiscono – afferma – ma bisogna tenere conto che in quei mesi escono tre o quattro film, e gli incassi si concentrano su quei pochissimi titoli”. Le uscite vanno dunque spalmate su dodici mesi. “E’ pero’ importante – dice Borg – che ne prendano atto i produttori e i distributori italiani: una grande commedia italiana puo’ benissimo uscire in estate”.Per attirare il pubblico potenziale, secondo il presidente dei distributori, i film che ci sono non bastano. “Prendiamo i film italiani di grande qualita’, che una volta venivano trasmessi sul piccolo schermo, e che ormai da tempo sono spariti. Bene, questi film esistono ancora, penso agli archivi del Luce. Cosa aspettano a digitalizzarli e a farli uscire in sala? Tra l’altro, la digitalizzazione aiuterebbe soprattutto l’esercizio minore ad avere una grande flessibilita’, consentendo programmazioni multiple nel corso della stessa giornata”.  Sul piano associativo “uno dei miei obiettivi come presidente dei distributori – conclude Borg – e’ di normalizzare i rapporti tra esercizio e distribuzione, rendendoli piu’ proficui”. (ITALPRESS).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo