Russia/ Corrispondente di Le Figaro fermato brevemente da servizi

Stava lavorando a un reportage nell’Estremo Oriente

Roma, 19 gen. (TMNews) – Il corrispondente del quotidiano francese Le Figaro in Russia, Pierre Avril è stato fermato per quattro ore dell’Fsb, i servizi russi, mentre lavorava a un reportage nell’Estremo Oriente russo, nei pressi dei confini con la Cina. L’ha reso noto lo stesso giornalista.  “Ero nella regione autonoma ebraica (ai confini con la Cina).  Sono stato arrestato nel sud della regione da agenti dell’Fsb, come si sono presentati, perché non avevamo l’autorizzazione” per stare in quella zona, ha spiegato il cronista, precisando che si trovava con un tassista e un abitante della regione.  Il giornalista, corrispondente a Mosca dal 2009, ha precisato di essere stato detenuto per quattro ore, che alla fine gli sono costati una multa di 500 rubli (12 euro). In un articolo pubblicato sul sito internet di Le Figaro, Avril sostiene che durante l’interrogatorio gli agenti gli hanno chiesto se lavorasse per un’ambasciata o per l’esercito. “Mi si sospettava – ha commentato – di essere una spia”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari