TV: INCONTRO ASSEMBLEE REGIONI-GOVERNO SU FONDI E STRATEGIE

(ANSA) – ROMA, 19 GEN – Il quadro finanziario e strategico per l’emittenza radiotelevisiva locale ed il ruolo dei Corecom per il sistema regionale in materia di telecomunicazioni sono stati al centro dei colloqui tra il presidente del Consiglio regionale della Puglia Onofrio Introna, in qualità  di capofila per la Conferenza per le questioni afferenti i Co.re.Com (comitati regionali per le comunicazioni) e il sottosegretario allo sviluppo economico Massimo Vari. All’incontro erano presenti anche il presidente del Corecom Abruzzo Filippo Lucci nella sua qualità  di coordinatore nazionale dei Corecom ed il direttore generale della Conferenza Paolo Pietrangelo. “E stato un incontro che abbiamo apprezzato molto – ha affermato Introna – per l’attenzione ricevuta, la concretezza e la competenza sui temi trattati. Abbiamo, in particolar modo, posto attenzione su alcune questioni di merito: le modalità  operative per il riparto di provvidenze economiche per le emittenti locali, il ruolo funzionale dei Corecom a tal proposito, il nuovo quadro delle frequenze in divenire con il completamento del passaggio al digitale terrestre. Il nostro ruolo – ha concluso Introna – è di assicurare una piena interlocuzione efficace tra i soggetti istituzionali e non coinvolti al fine di agevolare le migliori soluzioni e la efficacia delle responsabilità  degli organi preposti su questa delicata materia. Ho quindi accolto con molto favore la disponibilità  ad intervenire concretamente sui punti trattati e ad esaminare anche l’ipotesi dell’avvio di un tavolo permanente di raccordo”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi