FREQUENZE TV: MONTI “NO MOTIVO PERCHE’ NON CI SIA CORRISPETTIVO”

ROMA (ITALPRESS) – “Oggi niente di specifico, non e’ escluso che ci possa essere un interesse”. Cosi’ il presidente del Consiglio, Mario Monti, ospite a “Otto e Mezzo” su La7 rispondendo a una domanda se ci saranno liberalizzazione anche per il settore  tv.  Quanto al beauty contest, il premier ha aggunto: “le frequenze sono un bene scarso, un bene pubblico. Sono state prese certe decisioni sulle attribuzioni ma non vediamo perche’ in un momento in cui abbiamo chiesto sacrifici a molti, una frequenza venga concessa senza corrispettivo. Rifletteremo anche in prospettiva dell’evoluzione tecnologica”.  (ITALPRESS)
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi