Cinema: dopo chiusura Megaupload e Megavideo i pirati si riorganizzano

(ASCA) – Roma, 24 gen – Il Federal Bureau of Investigation ha chiuso Megaupload e Megavideo ed ha arrestato Kim Schmitz fondatore del gruppo ma, in sole 24 ore, i pirati si sono riorganizzati altrove, trasferendo i film su altri siti di condivisione. Molti i titoli visibili su piattaforme come Videowed, Videobb, Videozer, Novamov, Movshare. In Rete, compaiono molti dei piu’ attesi tra cui ‘Underworld – Il risveglio’, ‘The help’, ‘Benvenuti al Nord’, ‘La talpa’, ‘Shame’ e ‘L’ora nera’.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo