WEB: LIBERTA’ CONDIZIONALE PER DUE MANAGER DI MEGAUPLOAD

(AGI/REUTERS/EFE) – Wellington, 26 gen. – Due dei tre manager di Megaupload, arrestati nei giorni scorsi con l’accusa di pirateria informatica, hanno ottenuto la liberta’ su cauzione. La decisione della giustizia neozelandese e’ arrivata nonostante sui due, pesi la richiesta di estradizione da parte degli Stati Uniti. Rimane in carcere invece il fondatore del portale, il miliadario Kim Schmitz, meglio noto come Kim Dotcom, che ha costruito una fortuna proprio grazie al suo portale di file-sharing. Il giudice, David McNaughton del Tribunale del distretto di North Shore ha deciso che il rischio di fuga da parte del tedesco Finn Batato, 38 anni e responsabile tecnico di Megaupload, e dell’olandese Bram van der Kolk, 29 anni e capo programmazione, sia ‘bassa e minima’. La decisione sulla liberta’ condizionale chiesta da Mathias Ortmann, 40 anni e cofondatore di Megaupload, e’ stata invece rinviata. I tre manager erano stati arrestati la scorsa settimana nella casa affittata dal fondatore di Megaupload, alle porye di Auckland, nel quadro della maxi operazione internazionale contro la pirateria informatica condotta dall’Fbi e che ha portato alla chiusura del portale di file-sharing. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti