Rai/ Rognoni (Pd): Non passi ‘accordo-vergogna’, sarebbe scandalo

“Dg avrà  la forza di opporsi, è a lei che spetta proporre a cda”
Roma, 26 gen. (TMNews) – “No all”accordo vergogna’ che sarebbe stato siglato tra Pdl e Lega per la guida di Tg1 e Tgr, sarebbe uno scandalo'”. Lo dice Carlo Rognoni, responsabile del Forum Pd per la Riforma del sistema radiotelevisivo. “Non voglio crederci!
Ma se fosse confermata la notizia diffusa dall`onorevole Beppe Giulietti di Articolo 21, in Rai – denuncia – avremmo toccato il fondo, anzi raschiato il fondo del barile. Saremmo davanti a uno scandalo insopportabile e inaccettabile, le cui conseguenze non potrebbero che essere quelle di far precipitare la Rai in una crisi di governo profonda e irrecuperabile”.
Aggiunge l’esponente Pd: “Io ti do Maccari che piace a te del Pdl alla direzione del Tg1, per un anno. Poco importa che sia in pensione. E io allora in cambio ti do Casarin che piace a te della Lega nord alla direzione dei Tg regionali. Questo ‘l`accordo – vergogna’ che Pdl e Lega avrebbero raggiunto per assicurarsi a due mesi dalla loro naturale scadenza un`ultima spartizione di potere in Rai fra ‘alleati’. Alla faccia dell`informazione plurale e autonoma del servizio pubblico”.
“Difficile – prosegue Rognoni – immaginare che il presidente della Rai resti al suo posto così come quei consiglieri che sentono la preoccupazione di scelte adeguate e responsabili oggi che sono alla fine del loro mandato ancor più di ieri. Non voglio crederci, poi, perché immagino che anche se Pdl e Lega hanno firmato questo patto scellerato, sarà  il direttore generale Lorenza Lei ad avere la forza e il coraggio di opporsi. E – come si sa – le proposte in Cda alla Rai devono sempre essere fatte dal direttore generale. Non dai consiglieri, neppure dalla maggioranza del consiglio”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi