New media

26 gennaio 2012 | 17:14

INTERNET: FARMACI ILLEGALI, GOOGLE INCASTRATA DA MAGO TRUFFA

HA AGITO PER CONTO INVESTIGATORI FEDERALI, PORTANDO A MEGA-MULTA

(ANSA) – ROMA, 26 GEN – E’ stato un ‘mago’ della truffa, reclutato dagli investigatori del governo Usa, ad incastrare, dal carcere, Google sulle pubblicità  illegali di farmaci, accusa che ha portato il colosso a pagare lo scorso agosto ben 500 milioni di dollari di multa. La storia dell’indagine, in cui é stato dimostrato che i dirigenti della società  erano a conoscenza del fatto che i messaggi pubblicitari erano illegali, é riportata oggi dal Wall Street Journal. Per dimostrare che attraverso gli annunci di Google venivano venduti in Usa farmaci illegali gli investigatori si sono serviti di David Whitaker, un artista della truffa arrestato nel 2008 che nella sua lunga lista di reati aveva anche la vendita di steroidi anabolizzanti, proprio grazie a “Google Ads”, il sistema pubblicitario del motore di ricerca. Con lo pseudonimo di Jason Corriente e 200 mila dollari presi dai fondi pubblici il truffatore è riuscito ad aprire diversi siti per la vendita illegale di farmaci, sempre con l’aiuto dei dirigenti dell’azienda di Mountain View, permettendo agli investigatori di accumulare una mole impressionante di prove, culminate con l’incriminazione e la multa da record. Durante un’ispezione nella sede centrale di Google, a Mountain View, in California, sarebbe stata trovata la prova che addirittura Larry Page, uno dei fondatori, fosse al corrente della pratica: “I dipendenti di Google sono stati ‘preziosi’ per bypassare la politica sulla verifica dei farmaci della compagnia – ha spiegato Whitaker -, i siti web erano palesemente illegali”. La causa, afferma il quotidiano finanziario, potrebbe fare da apripista a una serie di azioni giudiziarie analoghe da parte di altri soggetti, come le case di produzione cinematografiche, secondo cui attraverso Google Ads vengono pubblicizzati siti che vendono film piratati. (ANSA).