direttore di ‘Nuovo’

Dei suoi quarant’anni di vita Signoretti, nato a Pesaro il 29 settembre 1971, ne ha già  passati più della metà  a fare il giornalista. “Faccio da grande quello che desideravo fare da piccolo”, dice compiaciuto lui. L’inizio ovviamente è precoce: a 16 anni, durante il liceo scientifico, nel pomeriggio comincia a frequentare Radio Incontro, fa le prime collaborazioni e, da ragazzo intraprendente qual è, dà  una mano pure a raccogliere la pubblicità : “Così tra i miei coetanei ero l’unico ad avere sempre dei soldi in tasca”.
La gavetta è in cronaca alla Gazzetta di Pesaro nel 1990, e gli basta per capire la sua inclinazione: “Più che alla scrittura ero interessato alla macchina del giornale: dare il taglio al pezzo che poi avrebbe scritto qualcun altro, titolare, risistemare”, spiega. L’anno successivo diventa corrispondente per Tva Telecentro-Odeon e nel ’92 s’iscrive alla Scuola di giornalismo di Urbino (è professionista dal ’95) durante la quale fa uno stage al settimanale Noi, diretto da Gigi Vesigna, e al circuito radiofonico Cnr.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 424 – gennaio 2012

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Obama mette in guardia sull’uso irresponsabile dei social. Distorcono la capacità di capire questioni complesse, diffondendo false notizie, dice l’ex presidente Usa alla Bbc

Biscardi santo subito? Molti si dimenticano che è stato un diseducatore del calcio. Assolto in qualche modo da un processo per diffamazione

Technicis acquisisce il gruppo Arancho Doc