EDITORIA: VESCOVO TORINO, A RISCHIO CHIUSURA VOCI STAMPA LOCALE

(AGI) – Torino, 30 gen. – “La crisi in atto erode le risorse in maniera forte e a farne le spese sono proprio i giornalisti sia della carta stampa che delle radio e tv, soprattutto locali, che stanno soffrendo molto per un aumento consistente del costo finanziario tanto da oltrepassare per alcuni la soglia delle concrete possibilita’ di sopravvivenza”. Incontrando i giornalisti, l’arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, non ha mancato di affrontare il tema della crisi che sta colpendo diverse testate locali nel capoluogo e nella regione. “C’e’ in atto – ha osservato – il rischio reale della chiusura di voci autorevoli e che hanno garantito e garantiscono una stampa libera e pluralista. Credo che autorita’ politiche e l’opinione pubblica debbano chiaramente rendersi conto che la scomparsa di organi di stampa legati al territorio e pluralisti nella loro impostazione impoverisce l’intero sistema dell’informazione e contribuisce alla diminuzione della cultura nelle persone e nel Paese. Il tutto, inoltre, va a scapito di una giusta dialettica democratica che e’ il sale della democrazia partecipativa di cui e’ garante la nostra Costituzione anche sul piano dell’informazione”. “E tuttavia – ha concluso – questo della crisi puo’ essere visto anche come il momento per tentare vie nuove come quelle del web, che stanno dando buoni risultati ma che abbisognano almeno all’inizio di finanziamenti non indifferenti, spesso lontani dalla portata di chi vorrebbe promuoverli per uscire dall’attuale situazione”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari