Editoria

09 febbraio 2012 | 16:01

Editoria/ Arci: Il manifesto deve continuare a vivere

Beni: “Non si uccide così la libertà  di informazione”
Roma, 9 feb. (TMNews) – Il manifesto in liquidazione coatta è “una notizia che mai avremmo voluto sentire e che conferma quanto da tempo in tanti andiamo denunciando”. Lo dice in una nota Paolo Beni, presidente nazionale dell’Arci, secondo il quale “in Italia il pluralismo e la libertà  di informazione stanno subendo un colpo pesantissimo”.
“Dobbiamo purtroppo prendere atto – prosegue – che la volontà  politica di assegnare le risorse indispensabili per consentire a più di cento testate di sopravvivere non c’è. Hanno già  chiuso giornali locali, ha chiuso Liberazione, e il manifesto si trova in una situazione difficilissima, forse la più drammatica della sua storia pur travagliata. La nostra democrazia, già  così malconcia, non può permettersi di perdere una voce che va considerata parte fondamentale del suo patrimonio storico e che ha rappresentato negli anni, per più di una generazione, un punto di riferimento politico, civile e culturale”.
Secondo Beni “il Governo non può aspettare. Deve intervenire adesso, in queste ore, dando seguito agli ordini del giorno approvati dal Parlamento, all’appello del Capo dello Stato, agli interventi dei sindacato dei giornalisti e di tutti coloro, associazioni o singoli cittadini, che da mesi denunciano gli effetti perversi dei tagli al fondo per l’editoria su un diritto costituzionalmente sancito. Da parte nostra chiederemo a tutta la rete Arci di dare, ognuno per quello che può e nelle forme che ritiene, un sostegno concreto perché questa voce non si spenga”.