Giornalisti/ Stampa romana, iscrizione low cost per i disoccupati

Giunta Asr, nuove regole valide anche per precari e freelance
Roma, 23 feb. (TMNews) – La Giunta dell`Associazione stampa Romana, riunita giovedì 23 febbraio, ha deliberato di cambiare le modalità  di iscrizione alla Asr per i colleghi freelance, collaboratori, precari e disoccupati. A partire dal primo gennaio 2012 i colleghi che rientrano in queste categorie potranno iscriversi al sindacato versando lo 0,30% della loro retribuzione annua lorda, esattamente come i colleghi contrattualizzati. Lo riferisce una nota del sindacato dei giornalisti del Lazio. L`ammontare su cui calcolare il costo dell`iscrizione sarà  dedotto dalla dichiarazione dei redditi dell`anno precedente (esclusivamente in relazioni ai compensi di natura giornalistica). Chi non dovesse disporre della dichiarazione dei redditi potrà  esibire un`autocertificazione sotto la propria responsabilità , sia civile che penale. In ogni caso la quota annuale di iscrizione non potrà  essere inferiore ai 15 euro.
Coloro che dovessero aver già  provveduto all`iscrizione si vedranno riconoscere un credito, per gli anni a venire, pari alla differenza fra la quota versata con le vecchie regole e quella che avrebbero pagato in base alla delibera di Giunta. “La Giunta – si sottolinea nel comunicato – intende così lanciare la nuova campagna di iscrizioni alla Asr partendo dal segmento meno tutelato della categoria, nel segno dell`apertura e dell`inclusione. La Giunta della Asr vuole inoltre ampliare le iniziative di tutela di questi colleghi, nella prospettiva di costruire un percorso che abbia come sbocco anche un nuovo assetto del contratto nazionale, tale da comprendere nuove regole per questa parte ormai maggioritaria della categoria”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari