INTERNET: FIRENZE PRIMA ‘WIKICITTA” CON PORTALE OPEN DATA

RENZI, PARTE RIVOLUZIONE CHE POTRA’ CAMBIARE ANCHE LA POLITICA

(ANSA) – FIRENZE, 29 FEB – Rendere l’amministrazione comunale più “trasparente e aperta” ai cittadini e quindi in grado di prendere “decisioni migliori”. E’ uno dei principali obiettivi con cui è nato il nuovo portale ‘Open data’ (raggiungibile dalla rete civica) presentato in Palazzo Vecchio dal sindaco di Firenze Matteo Renzi. Nell’occasione è stato anche siglato un accordo di collaborazione tra il Comune e l’associazione Wikitalia, presieduta da Riccardo Luna che ha definito Firenze la “prima ‘wikicitta’”. Trasparenza, partecipazione attiva dei cittadini con suggerimenti e critiche, e disponibilità  dei dati pubblici: sono i tre pilasti del nuovo servizio online. Al momento sono 180 le ‘aree tematiche’ del portale opendata.comune.fi.it, che vanno dalle opere pubbliche alle piste ciclabili, dall’istruzione al turismo. E ogni giorno viene inserito un nuovo dato. “Firenze – ha detto Renzi – vuole essere la capitale digitale d’Italia. Oggi parte una rivoluzione destinata a cambiare le regole del gioco dell’amministrazione in Italia e, in prospettiva, della politica. La trasparenza come occasione dunque per i servizi e per la politica”. “Uno degli obiettivi – ha continuato il sindaco – è anche quello di mettere online tutte le spese dell’amministrazione in modo trasparente e leggibile, oltre a tutti quei dati che possono essere utili alla vita quotidiana”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti