Cinema

01 marzo 2012 | 16:41

CINEMA: A.D. THE SPACE, SPETTATORE DECIDE SE FILM E’ DI QUALITA’

(AGI) – Milano, 1 mar. – “Non e’ vero che le multisale trascurano i film di qualita’. Nell’ultimo anno, la quota degli spettatori di film d’autore presso le strutture moderne e’ raddoppiata rispetto a quella del pubblico degli stessi film presso i cinema tradizionali. The Space Cinema ha addirittura programmato, a partire dal mese di aprile, una speciale sezione di proposta nelle proprie sale da dedicare ai film d’autore e alle opere prime”. Giuseppe Corrado, presidente e amministratore delegato di The Space Cinema, risponde cosi’ alle critiche sui cinema multiplex rilanciate da Paolo Mereghetti sul settimanale Oggi e sollevate da una lettera di Roberto Faenza al Corriere della Sera. Il regista aveva infatti accusato le grandi catene di cinema di essere responsabili della morte dei film di qualita’. “Chi stabilisce se un film e’ di qualita’?” domanda Corrado “Il miglior giudice e’ lo spettatore che, dal momento che decide di pagare un biglietto, non puo’ essere condizionato nei suoi giudizi e nelle sue valutazioni. Forse, i film di qualita’ non sono uccisi dai multiplex ma possono essere “uccisi” dagli stessi autori che, sovente, non riescono a proporre opere che riescono a smuovere l’interesse e l’entusiasmo del pubblico”. Infine Corrado si rivolge direttamente a Paolo Mereghetti per precisare “che il ricavo dei biglietti rappresenta nelle moderne strutture una quota del 70% circa del fatturato totale e pertanto rappresenta il vero riferimento del business. (AGI)