Cinema: Manetti, produttori capiscano che pubblico ama horror e giallo

(ASCA) – Roma, 1 mar – ”La commedia italiana a lungo andare puo’ stancare se ripetitiva, il pubblico vuole a grande richiesta vedere sul grande schermo gli horror e i gialli”. Lo ha ribadito il regista Marco Manetti che con il fratello Antonio ha presentato oggi ”L’arrivo di Wang”, film thriller/horror/fantascientifico in uscita nelle sale il 9 Marzo. ”Siamo stati al FrightFest a Galsgow – ha raccontato Marco Manetti – presentando il film ‘L’arrivo di Wang’ ed e’ stato un grande successo grazie anche a chi, regista italiano del passato, ha fatto la storia nel mondo del cinema giallo e dell’horror”. ”In Inghilterra c’era gente che chiedeva autografi anche a Federico Zampaglione che ha presentato il trailer dei primi 6 minuti di girato del suo prossimo film Tulpa attualmente sul set. Abbiamo molti sceneggiatori in grado di scrivere film di genere, il pubblico non aspetta altro, basta vedere casi eclatanti di film low budget diventati grandi incassi trainati dalla passione per il genere, senza nulla levare alla commedia italiana che gode di ottima salute ma che spremuta all’eccesso puo’ stancare. Un film di genere puo’ avere continue letture e restare per sempre”. Marco e Antonio Manetti hanno diretto anche ”L’ombra dell’orco”, girato in 3D che uscira’ a settembre, e prodotto ”Circuito chiuso” che dovrebbe uscire prima dell’estate.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo