Giochi: Binetti, pubblicita’ si’, ma progresso

(ASCA) – Roma, 2 mar – ”Fare educazione vuol dire fare proibizionismo? E’ necessario, in politica, interrogarsi anche su questi paradossi. Era il 2008 quando ho presentato la proposta di legge ‘Disposizioni per la cura e la prevenzione delle dipendenze comportamentali e del gioco d’azzardo patologico’. Fare prevenzione e formazione sulle ludopatie e’ un obbligo. Se ne parla troppo poco. Pubblicita’ si’, ma progresso, per diffondere, informare e aiutare”. Cosi’ l’esponente UdC Paola Binetti commenta le affermazioni di Gianfranco Polillo, sottosegretario di Stato per l’economia e le finanze, relative alle pubblicita’ sul gioco d’azzardo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari