Comunicazione

02 marzo 2012 | 15:55

Giochi: Forum Famiglie, si’ a divieto di fare pubblicita’

(ASCA) – Roma, 2 mar – ”Lo Stato si riempie le tasche con i proventi” del gioco d’azzardo e, ”se negli anni passati ci si accontentava di lotto e tototalcio, ora e’ caduto ogni freno e lo Stato biscazziere non ha pudore a liberalizzare tutto e il contrario di tutto, consentendone pubblicita’ e accesso senza alcuna limitazione”. Lo dichiara Francesco Belletti, presidente del Forum delle associazioni familiari, a margine di un’audizione sugli aspetti sociali e sanitari della dipendenza dal gioco d’azzardo tenuta oggi dalla Commissione affari sociali dalla Camera dei deputati. ”Quasi 80 miliardi di euro di ”lasciatemi sognare’ sono stati giocati l’anno scorso – sarebbe meglio dire bruciati! – di cui solo una piccola parte e’ ritornata nelle tasche degli italiani”, rileva Belletti parlando di un”’imposta sui sogni”. ”Ma i costi sociali – denuncia – di questo dramma e dell’indotto illegale che la legalizzazione copre e rende ”normale’ (in fondo, agli occhi della gente, l’unica differenza tra le slot nascoste nei bar e il poker on line pubblicizzato dalle tv nazionali e’ su chi incassa i ricchi guadagni) rischiano di sfilare dal bilancio statale i proventi che il gioco ha portato”. Il Forum appoggia quindi la proposta del ministro Andrea Riccardi per modificare la legislazione in materia, ”arrivando a vietare la pubblicita’ per ogni forma di gioco d’azzardo”.