TLC: COPIA PRIVATA; SIAE, TAR HA RESPINTO TUTTI I RICORSI

SOCIETA’, ‘GRANDE RICONOSCIMENTO PER GIUSTO DIRITTO’

(ANSA) – ROMA, 3 MAR – Respinti dal Tar del Lazio tutti gli otto ricorsi presentati contro il decreto del ministero dei Beni culturali sulla determinazione dei compensi di copia privata, ovvero gli aumenti dei prezzi da applicare alle cosiddette ‘memorie di massa’, come dvd e chiavette usb. Lo rende noto la Siae, che accoglie con “vivissima soddisfazione” le sentenze emesse dal tribunale amministrativo. “E’ un grande riconoscimento – sottolinea Siae – di un giusto diritto di autori, editori, produttori, artisti, interpreti ed esecutori”. A presentare i ricorsi contro il decreto erano stati Samsung, Fastweb, Hewlett, Nokia, Samsung, Ericsson, Wind e Telecom. Varato tra le polemiche nel dicembre 2009 dall’allora ministro Sandro Bondi, il decreto per la determinazione del compenso per copia privata attua una legge del 2003 nata da una direttiva europea del 2001. Legato alla legge sul diritto d’autore, il provvedimento stabilisce, richiamandosi ad un allegato tecnico, i nuovi importi degli aumenti dei prezzi che devono essere applicati – a spese dei fabbricanti e degli importatori- alle memorie di massa, per esempio dvd e chiavette usb, nonché a computer e telefoni cellulari che consentono di memorizzare e/o seguire opere audiovisive protette dalla legge sul diritto d’autore. Queste somme, indicate come ‘equo compenso’, costituiscono i diritti che vengono corrisposti, tramite la Siae, agli autori e agli editori. “Con queste sentenze che rigettano decine di motivi di impugnazione proposti contro il decreto – commenta oggi la società  degli autori e degli editori – i giudici confermano confermano che il sistema italiano che disciplina i diritti di copia privata è tra i migliori, se non il migliore, d’Europa perché pienamente rispettoso delle direttive europee, dei pronunciamenti della Corte di Giustizia e del nostro ordinamento giuridico nazionale”. Costituisce, prosegue la Siae, “un grande riconoscimento di un giusto diritto di autori, editori, produttori, artisti interpreti esecutori a ricevere un compenso, seppur minimo, per la fruizione del lavoro creativo di tante persone ed imprese culturali, attraverso sistemi tecnologici di riproduzione che sempre più massicciamente ricevono successo commerciale proprio grazie alla loro illimitata capacità  di riprodurre contenuti. Senza di essi – conclude Siae – questi strumenti tecnologici non avrebbero un’anima”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci