EDITORIA: SIDDI, FINANZIAMENTI E DIGITALE, CATASTROFE TV LOCALI

(AGI) – Bari, 2 mar.-“Siamo ad una catastrofe imminente causata dai ritardi nei finanziamenti, ma soprattutto dal caos determinato con il passaggio nel digitale senza regole che privilegia i soliti noti”. Lo ha affermato il segretario della Federazione nazionale della stampa (Fnsi) , Franco Siddi, a margine del dibattito “il calcio e’ pulito. Scommettiamo?”, organizzato dall’Unione Stampa Sportiva Italiana (Ussi) a Bari. ” Molti operatori volenterosi, alcuni che stavano trasformandosi in imprenditori qualificati del settore, stanno crollando – ha aggiunto – altre aziende chiudono e altre, invece, pretendono di continuare a trasmettere senza fare alcuna attivita’ di informazione, che e’ il presupposto per il quale i contributi vengono concessi: questi operatori vanno cancellati dal sistema del sostegno pubblico, gli altri vanno sostenuti”. “Abbiamo molto a cuore la sorte di quelle tv che oggi stanno ricorrendo ai contratti di solidarieta’ sperando – ha continuato il segretario Fnsi – che cambi qualcosa. C’e’ bisogno di fare in fretta; il Paese non ha bisogno solo di tagli, ha bisogno di certezze”. Siddi ha ricordato anche che “buona parte del settore della stampa in difficolta’ sta facendo ricadere una parte dei suoi costi sula previdenza dei giornalisti – ha sottolineato – l’Inpgi non sara’ il bancomat di nessuno, soprattutto – ha concluso Siddi – di coloro che portano le aziende al dissesto dopo aver speculato a proprio vantaggio”.(AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari