Comunicazione

05 marzo 2012 | 12:18

Islam: gran mufti Egitto, dialogo con giovani, no a condanne per Twitter

(ASCA) – Roma, 5 mar – Ali Gomaa, gran mufti d’Egitto e tra i piu’ rispettati giuristi dell’islam sunnita, ha lanciato un appello a sostegno del dialogo con i giovani e di una maggiore tolleranza di fronte ai social media. A darne notizia oggi e’ il sito Missionline.org che riporta un’intervista del mufti a ”The National”, principale quotidiano in lingua inglese di Abu Dhabi. Commentando la vicenda di Hamza Kashgari, giornalista e poeta saudita arrestato per blasfemia per delle frasi su Maometto scritte su Twitter, e per le quali rischia la pena di morte, lo sceicco ha affermato: ”Noi non uccidiamo i nostri figli, parliamo con loro”. Ali Gomaa, che in passato ha espresso opinioni non lontane dalle posizioni ‘progressiste’, come la fatwa favorevole alla guida per le donne e quella che vietava le mutilazioni genitali femminili, ha ammesso che i social media rappresentano una grande sfida per i giovani musulmani e arabi, che si ritrovano ”sommersi da un mare di informazione e disinformazione: e’ normale che ci sia preoccupazione che essi si perdano nel mezzo di tutte queste onde”. Tuttavia, per Ali Gomaa, titolare di un account Twitter, la soluzione non e’ il blocco degli accessi ne’ la censura. La societa’ ha il dovere di intrattenere ”un dialogo aperto con i giovani su un piano di parita’. Uno dei problemi e’ che usiamo un metodo antiquato di dialogo che si presenta come ‘o accetti la mia opinione o e’ la spada”’.