CINEMA: KIAROSTAMI E LIZZANI AL BIF&ST

BARI (ITALPRESS) – Altri due grandi nomi del cinema internazionale si aggiungono al gia’ compatto plotone di cineasti che, al seguito dei loro film in concorso, affollera’ le giornate del Bif&st-Bari International Film Festival in programma dal 24 al 31 marzo. Uno dei massimi registi contemporanei, l’iraniano Abbas Kiarostami, sara’ a Bari il 28 marzo per ricevere il Premio Fellini 8 1/2 per l’eccellenza artistica e per tenere il giorno successivo una Master Class che prendera’ le mosse dal suo ultimo lungometraggio, Copia conforme, interpretato da Juliette Binoche. Il prolifico autore di una cinquantina di film fra i quali capolavori come Sotto gli ulivi, Il sapore della ciliegia (Palma d’oro a Cannes nel 1997), Dov’e’ la casa del mio amico? assistera’ anche alla presentazione del back stage di Copia conforme realizzato da un’autrice pugliese, Irene Bufo, sua stretta collaboratrice.
Il Premio Fellini 8 1/2 andra’ il 27 marzo anche ad uno dei piu’ famosi decani del cinema italiano, regista ma anche storico del cinema, Carlo Lizzani (sara’ festeggiato in Campidoglio il 3 aprile per i suoi 90 anni) che il 28 terra’ al Bif&st la sua Master Class dopo la presentazione del film Cattiva con una straordinaria Giuliana De Sio, David di Donatello per la sua interpretazione.
Con questi ultimi riconoscimenti si completa il panel dei cineasti premiati con il Fellini 8 1/2 Award che sara’ ritirato da Liliana Cavani (il 24 marzo), Max von Sydow (25), Richard Borg (26) e John Madden (29).
(ITALPRESS).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo