CINEMA: AL VIA DOMANI 12ESIMO PIEMONTE MOVIE GLOCAL FILM FESTIVAL

(AGI) – Torino, 5 mar. – Apre la sua XII edizione con una doppia proiezione il Piemonte Movie gLocal Film Festival (6-11 marzo): la appuntamento e’ per domani sera al cinema Massimo di Torino con il documentario ‘Non si deve morire per vivere’ di Daniele Gaglianone, regista torinese d’adozione a cui il festival dedica l’omaggio di quest’anno, e con l’anteprima regionale di ‘La fabbrica e’ piena’ di Irene Dionisio, primo dei 10 documentari in concorso della sezione Panoramica Doc. “La decisione di unire queste due opere per la serata di inaugurazione – spiega Alessandro Gaido, direttore del Festival – e’ avvenuta in modo naturale: Daniele Gaglianone e’ il regista a cui abbiamo dedicato l’omaggio di questa anno, nonche’ il presidente di giuria della sezione Panoramica Doc. Il suo lavoro e quello di Irene Dionisio, inoltre, sono vicini per tematica e sensibilita’ e racchiudono il senso di questa edizione incentrata sulle periferie, i bassifondi, le Badlands del tema su cui ruota il Festival 2012”. ‘Non si deve morire per vivere’ racconta la coraggiosa lotta di Benito Franza e Albino Stella per rendere pubblica la malattia contratta sul luogo di lavoro, mentre ‘La fabbrica e’ piena’ narra la Torino citta’-fabbrica, con le sue archeologie industriali, palcoscenico ideale per riflettere sui lati grotteschi e piu’ inumani del sistema capitalistico. Il documentario ha vinto il Premio Cgil-Spi a Filmmaker 2011 di Milano e partecipa alla Selezione della Competizione Internazionale Vision du Reel 2011. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo