SCRITTORI CELEBRANO ’50 ANNI DI VITA DELL’AFRICA’

(AGIAFRO) – Abuja, 5 mar. – L’associazione degli scrittori africani di lingua inglese (African writers series, Aws) festeggia 50 anni di vita. Il giorno esatto di nascita non esiste, fa fede l’anno, ovvero il 1962, indicato come media continentale durante la quale la maggioranza delle nazioni africane ottenne l’indipendenza. Mezzo secolo di luci e ombre, per il continente e l’associazione, che sara’ ricordato con numerose e varie iniziative in quasi tutti i Paesi, fino all’appuntamento clou della Conferenza dell’Aws in programma il prossimo luglio a Nairobi (Kenya). Un ruolo da protagonista spetta di diritto alla Nigeria, il Paese piu’ popolato del continente con 160 milioni di abitanti e, soprattutto, la patria di origine di numerosi pezzi da novanta del mondo letterario africano, a partire da Wole Soyinka, primo premio Nobel per la Letteratura del continente (1986). Un anticipo delle manifestazioni in calendario si e’ svolto a meta’ febbraio all’ambasciata d’Italia ad Abuja, la capitale nigeriana, che ha organizzato e ospitato un convegno con numerose associazioni di scrittori nigeriani che rivendicano il loro faticoso, spesso inascoltato, ruolo fondamentale per lo sviluppo e la crescita della cultura in Nigeria e per la diffusione oltre i confini nazionali della conoscenza della realta’ locale. Literary association, Abuja writers forum, Association Abuja authors, Guild of artistes and poets, tutte con sede nella capitale, e i loro corrispondenti sparsi tra le altre principali citta’ nigeriane (Lagos, Port Harcourt, Ibadan) sono alcuni dei gruppi letterari che si sono riuniti nella sede dell’ambasciata italiana. (AGIAFRO)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari