New media

06 marzo 2012 | 11:12

Giochi/ Online, mercato passa da 1 a 10 miliardi in 4 anni

Tra 2008 e 2011 il ha fruttasto all’Erario 500 milioni
Roma, 6 mar. (TMNews) – Il mercato del gioco online in quattro anni è cresciuto in maniera molto forte. Nel 2008 valeva infatti 1 miliardo e 484 milioni, nel 2011 ha sfiorato i 10 miliardi.
Inoltre l’online ha assunto un peso via via crescente all’interno del mercato dei giochi: nel 2008 assicurava infatti poco più del 3% della raccolta complessiva (47,5 miliardi) per arrivare a oltre il 12% nel 2011 (79,9 miliardi). Nonostante la crescita vertiginosa della raccolta, la spesa effettiva dei giocatori – soprattutto grazie all’arrivo di poker cash e casinò games che restituiscono come vincite una quota molto elevata di giocate – non ha subito un incremento proporzionale.
Tra 2010 e 2011 la raccolta è cresciuta del 104% (da 4,8 a 9,9 miliardi circa), mentre la spesa effettiva appena del 6,6% (da 689 a 735 milioni). Tra il 2008 e il 2011 il gioco on line ha portato nelle casse dello Stato circa 500 milioni di euro. La maggior parte del gettito è venuta dalle scommesse online (circa 200 milioni) e da poker, casinò e skill games (oltre 210 milioni). Nel 2011 il gettito sui giochi di carte virtuali si è dimezzato: i neo-arrivati poker cash e dei casinò games beneficiano infatti di una tassazione sul profitto (ovvero la quota che resta al concessionario una volta pagate le vincite) e questo consente di restituire ai giocatori fino al 97% delle giocate. Nel 2011 cinque giochi hanno assicurato quasi il 99% della raccolta online. Il primo prodotto è il poker cash con una raccolta di oltre 4,6 miliardi, il 46,8% dei 9,85 miliardi giocati. Segue il poker a torneo (2,25 miliardi, pari al 22,8% delle giocate virtuali), terzi i casinò games che hanno attratto il 15,8% delle giocate via internet (1,55 miliardi). Le scommesse sportive online hanno generato oltre 1,1 miliardi (l’11,4% de l totale), il bingo ha aggiunto un altro 1,8% (183 milioni). Gli altri giochi valgono appena 120 milioni (l’1,2% del totale): si tratta di versioni online di giochi più tradizionali – come Gratta e Vinci, scommesse ippiche, Totocalcio – e che quindi riscuotono maggior successo nei canali tradizionali di commercializzazione.
(Fonte: Agicos)