ARTE:RICERCA, PER 79% ARTISTI MEGLIO INTERNET CHE LE MOSTRE

PER 39% IMPORTANTE ISTITUZIONE MUSEALE. 79% HA AVUTO PERSONALE

(ANSA) – MILANO, 6 MAR – Per farsi conoscere è meglio Internet che le mostre: lo indica il 79 per cento degli 8mila artisti italiani toccati da una ricerca, condotta dal prof. Francesco Casetti, dell’americana Yale University, e presentata oggi presso la Fondazione Riccardo Catella. La vocazione artistica si è manifestata prima dei 18 anni nel 71,4 per cento degli intervistati. E’ stata coltivata frequentando le scuole d’arte (45,6) o da autodidatta (43,2). Il 63 per cento del campione svolge un’altra professione, oltre alla propria attività  di artista: il 14,2 per cento è consulente o libero professionista, il 13,8 insegnante di scuole primarie o secondarie, il 13,4 impiegato pubblico, 11,6 designer, grafico o stilista, il 7,4 fotografo o videomaker, il 7,4 impiegato del settore privato, il 7,2 artigiano. Il 52 per cento ha dichiarato di svolgere la propria attività  in casa e solo il 42 per cento ha un apposito studio. I linguaggi artistici più usati continuano ad essere la pittura (72 per cento) ed il disegno (57,4). La scultura è praticata dal 20 per cento. Quasi tutti gli intervistati hanno esposto in una collettiva (93,7 per cento). Il 79,1 per cento ha avuto anche una personale. Alle gallerie private si rivolge il 37,2 per cento. Il 39,4 ritiene che comunque sia l’istituzione museale quella più importante per esporre. Il ruolo delle aste solo il 7,2 per cento lo ritiene fondamentale per valutare correttamente un’opera. Il 39,1 per cento lo giudica utile. Il 19,4 pensa invece che sia nocivo, perché distorce una corretta valutazione. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti