Pubblicita’: ai marchi lo slogan piace inglese (Italia Oggi)

MILANO (MF-DJ)–English is better (l’inglese e’ meglio), evidentemente lo si pensa nella pubblicita’ se un numero sempre maggiore di brand lo usa per marchiare a fuoco i propri slogan.
Da tempo, scrive Italia Oggi, l’inglese e’ l’idioma dello spot per ragioni tecniche e creative di sintesi e di immediatezza. Il fenomeno negli ultimi tempi si e’ pero’ intensificato bypassando una delle regole base del linguaggio pubblicitario: sottolineare il tag identitario del prodotto, come per esempio il paese d’origine del marchio e ha finito cosi’ per mangiarsi le altre lingue e gli orgogli nazionali. Complice anche il passaggio di proprieta’ di aziende del lusso o del largo consumo a multinazionali anglofone.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro