RAI:PROCESSO A MINZOLINI,AZIENDA SI COSTITUISCE PARTE CIVILE

L’EX DIRETTORE DEL TG1, SCELTA CHE MI LASCIA PERPLESSO

(ANSA) – ROMA, 08 MAR – La Rai si è costituita parte civile nel processo che vede imputato l’ex direttore del Tg1, Augusto Minzolini, in relazione alle spese sostenute con la carta di credito aziendale. Il giornalista è accusato di peculato. La prima udienza, svoltasi oggi davanti alla VI sezione penale del Tribunale di Roma, è durata pochi minuti. La difesa del giornalista ha depositato una lettera della casa editrice de La Stampa, quotidiano per il quale Minzolini ha lavorato come inviato per circa dieci anni, nella quale si spiega che il giornalista poteva utilizzare una carta di credito aziendale con lo stesso massimale di 5 mila euro al mese della carta Rai, senza l’obbligo di dover indicare quali fosse i suoi commensali nelle ricevute delle spese per i pranzi, così come invece dal 2003 chiede l’azienda di viale Mazzini. Sulla decisione della Rai di costituirsi parte civile, Minzolini, che era presente in aula, con i cronisti si è detto “perplesso” e ha aggiunto “non fatemi dire altro”. “Ricordo solo – ha aggiunto – che la Corte dei conti ha archiviato il procedimento a mio carico perché ho restituito tutte le somme dovute. Io qui sono sotto processo non per delle spese ingiustificate bensì per non aver indicato le persone che hanno mangiato con me per motivi di lavoro ed alle quali io ho pagato il conto”. Tra i testi citati dalla difesa anche l’ex direttore Tg1, Clemente Mimum, che, secondo quanto afferma la difesa, quando era direttore del telegiornale Rai ha utilizzato la carta aziendale con le stesse modalità  di Minzolini. Prossima udienza fissata per il 24 maggio.(ANSA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi