Cinema: a Londra il Made in Italy con ”Scialla” e ”Tatanka”

(ASCA) – Roma, 8 mar – Dal 9 al 15 marzo a Londra, presso il Cine Lumiere, si svolgera’ ”Cinema Made in Italy” la seconda edizione dell’Italian Film Festival, promosso dall’Istituto Italiano di Cultura di Londra e da Luce Cinecitta’. Il programma, curato da Paolo Mereghetti e Adrian Wootton, propone 11 titoli che saranno accompagnati da incontri con registi e attori. In cartellone ”L’estate” di Giacomo di Alessandro Comodin, ”Io sono Li”’ di Andrea Segre, ”Isole” di Stefano Chiantini, ”La kryptonite nella borsa” di Ivan Cotroneo, ”La-ba’s-Educazione criminale” di Guido Lombardi, ”Il mio domani” di Marina Spada, ”I primi della lista” di Roan Johnson, ”Scialla!” di Francesco Bruni, ”Tatanka” di Giuseppe Gagliardi, ”L’ultimo terrestre” di Gianni Pacinotti, in arte Gipi, e ”Il villaggio di cartone” di Ermanno Olmi. All’elenco si aggiunge la produzione svizzera ”Giochi d’estate” di Rolando Colla. Per il resto del mese di marzo, dal 16 al 30 marzo, presso l’Istituto Italiano di Cultura di Londra, saranno proposti film italiani e fiction tv basati sullo sport, in onore delle Olimpiadi previste quest’anno nella capitale inglese: ”Il campione e la miss” di Angelo Longoni, Bartali, ”L’intramontabile” di Alberto Negrin, ”Pantani, il pirata” di Claudio Bonivento, ”Una storia italiana” di Stefano Reali, ”Il grande Torino” di Claudio Bonivento, ”La leggenda del bandito e del campione” di Lodovico Gasparini. Inoltre sono programmati un omaggio al regista Vittorio De Seta, da poco scomparso e un incontro con Renzo Rossellini.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo