TV: DANIELE LUTTAZZI, HO VINTO LA CAUSA CONTRO LA7

PER DECAMERON, CHIUSO NEL 2007

(ANSA) – ROMA, 9 MAR – “La7 ha perso la causa contro di me per il programma Decameron, chiuso nel 2007”. Lo ha annunciato oggi al telefono all’ANSA, Daniele Luttazzi, che ha voluto precisare di aver ottenuto la sentenza in primo grado dal Tribunale di Roma e le sue motivazioni. “Per i giudici – precisa Luttazzi – La7 chiuse il programma Decameron in modo arbitrario e illegittimo”.(ANSA). Decameron, programma del sabato di La7 condotto da Daniele Luttazzi, con replica il giovedì, venne chiuso dall’emittente il 7 dicembre 2007 “per le offese e le volgarità  rivolte a Giuliano Ferrara” spiegava La7 a suo tempo in una nota. Oggi forte della sentenza del Tribunale di Roma che gli ha dato ragione, Daniele Luttazzi dice: “Il giudice ha stabilito che la battuta su Giuliano Ferrara non fu insulto ma satira. E la battuta su Giuliano Ferrara non fu plagio, come scrissero i giornali aggiungo io”. La vicenda riguarda una frase che partendo dalla guerra in Iraq arriva a Berlusconi immaginato con Dell’Utri fare pipì addosso a Ferrara. Secondo La7 la libertà  creativa garantita dal contratto era stata usata in maniera “non responsabile”, tra l’altro nei confronti di Ferrara conduttore da anni collaboratore di La7 per il programma Otto e mezzo. Oggi Luttazzi all’ANSA sottolinea che “Il giudice ha condannato La7 al pagamento, fra penali e mancati versamenti, di un ammontare di 1.200.000 euro lordi, più gli interessi e le spese legali. Il Tribunale di Roma ha tutelato il diritto di fare satira sancito dalla Costituzione. Ringrazio i miei bravissimi avvocati, Roberto Minutillo Turtur e Andrea Parlatore”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi