Editoria: Gasparri, non mi sono mai augurato chiusura Riformista

(ASCA) – Roma, 9 mar – ”Siddi e altri leggano prima di parlare. Non mi sono augurato la chiusura di un giornale. Ho criticato la vergognosa campagna contro Alfano e il Pdl condotta da un quotidiano notoriamente in crisi per mancanza di lettori. La polemica, nata dalle errate interpretazioni alle mie parole, ha creato pubblicita’ a un giornale che cosi’ potra’ aumentare il numero delle copie vendute, temo comunque poche. Io comunque il Riformista lo compro tutti i giorni. Quelli che fanno polemica forse no”. Lo dichiara il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri che era stato oggetto di polemiche per gli auspici -cosi’ dicono i suoi critici- di chiusura del Riformista e di Famiglia Cristiana a seguito delle loro prese di posizioni sulla vicenda del ministro Riccardi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi