TV: MEDIASET, IL GF NON CHIUDE, NON RIPARTIRA’ SUBITO

(ANSA) – ROMA, 12 MAR – Nessuna chiusura in vista per Grande Fratello: il reality di Canale 5 non ripartirà  subito nell’autunno 2012, ma potrebbe esordire con l’edizione numero 13 nella seconda parte della stagione. A precisarlo è Mediaset, dopo il tam tam scatenatosi sul web a commento di alcune dichiarazioni rilasciate dal vicepresidente del gruppo, Pier Silvio Berlusconi: “Probabilmente – dice oggi in un’intervista al ‘Messaggero’ – ha bisogno di riposare, ma il reality resterà  uno dei generi della tv generalista”. “C’é chi ha capito male”, si legge in un tweet pubblicato sulla pagina di Qui Mediaset (@quimediaset_it). “Il GF non chiude affatto, riposare significa solo che la prossima edizione non ripartirà  subito”. Non è ancora prevista, intanto, la data di chiusura dell’edizione numero 12, che è stata spostata da lunedì a domenica – con una sostanziale tenuta negli ascolti – per fare spazio al nuovo show ‘Panariello non esiste’. Già  lo scorso anno il reality ebbe una durata ‘monstre’: partito il 18 ottobre, andò avanti fino al 18 aprile, per poi ripartire lo scorso autunno. L’ipotesi di un possibile stop per il GF ha fatto immediatamente il giro della rete e il coordinatore nazionale di Generazione Futuro, Gianmario Mariniello, ha commentato: “La fine del Grande Fratello va accolta con gioia: basta con il ritratto caricaturale dei giovani italiani, basta con il gossip trash della ‘casa’, basta con la tv spazzatura. E’ la fine di un’epoca ed è anche simpatico che a sancire questa fine sia il figlio di Silvio Berlusconi. Ma la cosa più importante è che la fine del Grande Fratello l’abbiano sancita gli italiani, con il telecomando”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi