Mediatrade/ Agenzia Entrate parte civile contro Mediaset e Rti

Oltre che contro imputati tra cui P.S. Berlusconi e Confalonieri
Milano, 13 mar. (TMNews) – I giudici della seconda sezione del Tribunale di Milano hanno ammesso l’Agenzia delle Entrate come parte civile nel processo Mediatrade anche contro Mediaset e Rti oltre che contro gli imputati di frode fiscale tra i quali ci sono Piersilvio Berlusconi, vicepresidente di Mediaset e Fedele Confalonieri, presidente della società . Mediaset e Rti erano intervenute nel processo volontariamente come responsabili civili. I legali delle due società  si erano opposti alla costituzione dell’Agenzia delle entrate “per carenza di requisiti”. I giudici hanno rigettato l’opposizione. “L’Agenzia delle Entrate è legittimata a chiedere il risarcimento dei danni anche ai responsabili civili Mediaset e Rti” hanno deciso i giudici del Tribunale di Milano. Le due società  avrebbero indicato nel bilancio fiscale di Mediaset valori inferiori al reale nelle dichiarazioni dei redditi tra il 2005 e il 2008, quasi 10 milioni di euro nel 2005, oltre 7 milioni nel 2006, quasi 5 milioni nel 2007, 2 milioni e mezzo nel 2008. Secondo l’accusa ci sarebbero imposte da pagare per oltre 7 milioni di euro. Il processo adesso prosegue con le eccezioni preliminari. Secondo le difese c’è un problema di competenza territoriale. Il fascicolo andrebbe trasferito a Roma perchè l’asserita frode fiscale sarebbe da contestare alla controllata Rti e non alla controllante Mediaset.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi