Tlc: Ecta, bene legge italiana su settore

MILANO (MF-DJ)–Ecta, l’associazione di categoria pan-europea che rappresenta oltre 100 operatori di telecomunicazioni pro-competitivi accoglie con favore la legge italiana di liberalizzazione dei servizi ancillari sulla rete fissa di accesso dell’ex monopolista Telecom Italia.
I consumatori hanno beneficiato di una maggiore concorrenza nel settore delle telecomunicazioni sin dalla sua liberalizzazione, che ha prodotto la riduzione dei prezzi al consumo, maggiore velocita’ ed offerte innovative. La legge italiana ha fatto ora un ulteriore passo avanti e richiede la liberalizzazione dei servizi di attivazione, di manutenzione e riparazione dei guasti dei servizi d’accesso, aprendo questi servizi ancillari alla concorrenza. Questa misura dovrebbe portare prezzi piu’ bassi ed una migliore qualita’ dei servizi ai consumatori grazie alla maggiore concorrenza.
Questi servizi in Italia sono gia’ affidati a fornitori esterni, ma l’operatore dominante ha attualmente un monopolio nella negoziazione di tali accordi. Sarebbe ora consentito agli operatori alternativi di negoziare direttamente con gli stessi fornitori esterni, portando verosimilmente alla riduzione dei prezzi ed a prestazioni piu’ efficienti. Porre fine ad un monopolio non puo’ che tradursi in prezzi piu’ competitivi e migliori servizi ai consumatori finali.
Qualsiasi iniziativa in grado di raggiungere un maggior grado di liberalizzazioni nel settore e i benefici connessi – senza minacciare il ruolo e le competenze delle autorita’ nazionali di regolamentazione e il controllo dell’Europa – deve essere incoraggiata.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci