Scienza/ Ebook, con Kindle nasce nuova generazione di autori

Già  venduti due milioni di inediti in formato elettronico
Roma, 13 mar. (TMNews) – Uno dei servizi legati a Kindle, il lettore di ebook di Amazon, si chiama Singles ed è dedicato alla diffusione di opere brevi (più lunghe di una racconto, ma meno di un romanzo) da parte di autori nuovi. Nei 14 mesi di attività , il servizio ha venduto ben due milioni di “copie”, generando per Amazon un guadagno di 1,2 milioni di dollari. Il meccanismo è semplice. L’autore propone un testo che, se giudicato adatto alla pubblicazione, viene posto in vendita a un prezzo fissato dall’autore, con un minimo di un dollaro (per l’esattezza, 99 centesimi). Del ricavato, il 70 per cento va all’autore e il 30 ad Amazon. Attualmente ci sono 165 “Singles” sullo store di Amazon, con il numero che cresce di circa 3 nuovi testi a settimana. In media, vengono proposti 50 testi a settimana, di cui solo il sei per cento viene accettato. Secondo David Blum, docente presso la Columbia University, quello dei mini-ebook sembra essere un mercato con caratteristiche particolari, che rappresenta un’occasione per promuovere scrittori sconosciuti: “Ci sono molti ostacoli per gli autori esordienti nel mondo dell’editoria tradizionale”, dice, ma Kingle Single riesce a superarli, rappresentando “una via di mezzo tra la rivista e il libro”. Non solo esordienti, tuttavia, si sono affidati al nuovo tipo di editoria: nel catalogo dei Singles, sono presenti anche testi di autori noti, come per esempio Stephen King, David Baldacci, Dean Koontz, Karin Slaughter. Ma la stragrande maggioranza è composta da autori nuovi le cui vendite non sono per nulla inferiori a quelle dei titolari di bestseller cartacei.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti