Usa/ Polemica in Pennsylvania per pubblicità  contro la Bibbia

Atei contro scelta Congresso di nominare 2012 ‘anno della Bibbia’
New York, 14 mar. (TMNews) – La Camera dei Rappresentanti del parlamento americano ha designato il 2012 “l’anno della Bibbia” e i gruppi atei del Paese non hanno esitato a esprimere il loro dissenso. In Pennsylvania, due di queste associazioni, American Atheists e Pennsylvania Nonbelievers, hanno pagato per un cartellone pubblicitario in cui era raffigurato uno schiavo africano sotto la citazione biblica: “schiavi, obbedite ai vostri padroni”. Il cartellone è stato rimosso. Ma non si placa la polemica tra le due organizzazioni e la National Association for the Advancement of Colored People, la più antica e influente associazione per i diritti civili degli afroamericani, che aveva trovato il cartellone pubblicitario altamente offensivo. E la commissione per i Rapporti con la cittadinanza del Pennsylvania, ha avviato un’inchiesta. American Atheists e Pennsylvania Nonbelievers hanno spiegato al quotidiano online Huffington Post di aver sponsorizzato l’iniziativa per protestare contro la decisione dei deputati chiarendo che non era loro intenzione sostenere la schiavitù. Il presidente di Pennsylvania Nonbelievers Bryan Fields, ammette che l’immagine è provocatoria: “mi scuso con coloro che hanno frainteso il cartellone”. Mentre Ernest Perce V di American Atheists si è detto stupefatto perché qualcuno si offende offesa per il cartellone ma non per le ingiustizie presenti nella Bibbia né per la decisione dei deputati. Perce ha inoltre anticipato di voler ampliare la campagna pubblicitaria contro la Bibbia e la decisione della Camera bassa del Congresso a tutto lo stato. “Chiediamo alla gente di rivolgere la loro rabbia verso il Congresso”, ha concluso Perce.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro