RAI: BELTRANDI, SENZA RIFORMA, SI APPLICHINO REGOLE ATTUALI

(AGI) – Roma, 16 mar. – Marco Beltrandi, radicale, componente della Commissione di Vigilanza sulla Rai, in una nota afferma: “Mentre da piu’ parti si avanzano proposte confuse, e per nulla dotate della radicalita’ necessaria, di riforma della governante Rai, piu’ di facciata che di sostanza, ci si dimentica che persino regole molto inadeguate e discutibili come quelle della legge Gasparri possono essere applicate diversamente per esempio dalla Commissione di Vigilanza sulla Rai e dai partiti. Infatti, a legge vigente nulla impedisce che la Commissione di Vigilanza, incaricata di eleggere a legge attuale 7 su 9 componenti del CDA Rai, oltre alla ratifica della nomina del presidente, possa aprire una procedura di selezione pubblica e trasparente, con audizione di candidati, presentazione di curriculum, in modo da assicurare ai neo eletti quella autonomia dalle oligarchie dei partiti che e’ invocata a parole da tutti. Evitando quello spettacolo penoso dei bigliettini all’ultimo istante, ed evitando anche umilianti rinvii delle nomine, in attesa di una soluzione ottimale che non arrivera’, purtroppo. Tra l’altro continuo a non comprendere le ragioni della necessita’, invocata da alcuni, di cambiare il Direttore Generale della Rai Lorenza Lei, da troppo poco tempo capo azienda per poterne valutare l’operato che, peraltro, e’ stato pesantemente condizionato sinora dalla necessita’ di manovre correttive dei conti economici lasciate da altri”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi