FESTIVAL ROMA: MULLER, E ORA RIMBOCCHIAMOCI LE MANICHE

PRESIDENTE FERRARI, PREPARIAMO GRANDE FESTIVAL, ROMA LO MERITA

(ANSA) – ROMA, 16 MAR – Marco Muller è il nuovo direttore artistico del Festival Internazionale del Film di Roma. Lo ha deciso oggi il consiglio di amministrazione della Fondazione Cinema per Roma, presieduto dal presidente Paolo Ferrari e composto dai consiglieri: Michele Lo Foco (Comune di Roma), Salvatore Ronghi (Regione Lazio), Massimo Ghini (Provincia di Roma), Andrea Mondello (Camera di Commercio) e Carlo Fuortes (Musica per Roma). “Sono particolarmente soddisfatto della nomina di Marco Muller come direttore artistico del Festival Internazionale del Film di Roma – ha detto Paolo Ferrari nella nota ufficiale diffusa dall’ufficio stampa del festival -. Sono convinto che sia uno straordinario professionista stimato sia in Italia che all’estero. Saranno mesi intensi per tutti noi, dobbiamo preparare un grande Festival, questa città  lo merita. Auguro buon lavoro a Marco Muller e a tutto lo staff della Fondazione con il forte auspicio di un’ottima riuscita della manifestazione”. “Non potrei essere più felice – spiega Marco Muller – torno dopo ventidue anni nella mia città  per lavorare ad un progetto entusiasmante: il nuovo sviluppo, dopo i risultati dei primi sei anni, del lavoro di un festival che vuole aderire sempre meglio ai bisogni di chi il cinema lo fa, di chi lo fa vedere e di chi lo va a vedere. Ricordate come doveva chiamarsi in origine “La dolce vita” di Federico Fellini? Il primo titolo era “La bella confusione”. Usciamo da tre mesi di “bella confusione”, che può apparirci come la forma del nostro tempo. Se viviamo, dunque, in un’epoca di disarmonia prestabilita, questo può essere interpretato anche come un segnale. Perché testimonia il desiderio di rimescolare le carte per ricominciare la partita, il desiderio di rinnovamento delle storie e delle forme che non possiamo non avvertire. Dobbiamo cominciare ad immaginare, allora, un festival che rimanga ricettivo, aperto a continui riaggiustamenti di rotta, così da saper trascrivere in presa diretta le trasformazioni del continente audiovisivo. E ora, come dice il Presidente Ferrari, basta con le chiacchiere: rimbocchiamoci le maniche e cominciamo a lavorare”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo