FESTIVAL ROMA: MULLER, EVENTO ANCHE OLTRE SOLITI 11 GIORNI

PENSO A EVENTO ESTIVO; UNIRE PUBBLICO E QUALITA’

(ANSA) – ROMA, 16 MAR – Un festival che vada oltre i soliti 11 giorni, che possa prevedere anche una festa estiva e che metta insieme i gusti del grande pubblico con il migliore cinema d’autore: così Marco Muller, neodirettore artistico del Festival del Film di Roma immagina la kermesse di cui ha appena preso il timone. “Sarà  un festival – ha spiegato – fatto su misura per questa città , per andare incontro alle esigenze e alle visioni di chi i film li fa, li fa girare e del pubblico. Penso a un festival che possa andare anche oltre gli 11 giorni del macro evento”. Cinema di cassetta o d’autore? “Io – ha risposto Muller – sono quello che reinventato la Piazza Grande di Locarno, che ha sdoganato il cinema americano portando alcuni dei grandi film nella stagione estiva, e dialogando con i cineasti indipendenti. Abbiamo fatto proiezioni per 12 mila persone, e poi l’inedito di Kiarostami. Dunque, perché non cercare una programmazione dove uno più uno non faccia per forza due, ma suggerisca un due e mezzo o tre?”. A chi gli chiedeva un parere sul lungo dibattito tra ‘Festa’ e ‘Festival’, Muller ha risposto: “Sarebbe bello avere anche una Festa estiva del cinema, distinguendo i due momenti. Roma lo chiede, è la città  che meglio si presta al mondo. Possiamo camminare sulle due gambe, confermando naturalmente il consolidato Festival e la consolidata Business Street”. A chi gli chiedeva infine quando durerà  complessivamente l’evento, il direttore ha risposto: “Questo è un grande mistero. Per ora non possiamo più parlare di un evento consueto. Possibilmente, se ci riusciamo, dal 2012 sarà  un Festival capitale per la capitale”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo