Web: Anselmi, in Italia dovremmo fare come Steve Jobs (Mi.Fi.)

MILANO (MF-DJ)–“In Italia si stenta ancora a capire che la tutela del diritto d’autore su Internet e’ la condizione per tenere in piedi delle attivita’ economiche. Basterebbe pensare a Steve Jobs e fare la stessa cosa. Invece da noi si confonde liberta’ con gratuita’”.
Lo ha affermato Giulio Anselmi, presidente della Fieg (Federazione Italiana Editori Giornali), in una intervista rilasciata a Milano Finanza aggiungendo che “credo che il problema nasca dalla traduzione della parola ‘free’ e che ci sia stata confusione tra liberta’ e gratuita’. La liberta’, va da se’, ci deve essere. Comunicare e informare per democrazia e trasparenza e’ il nostro primo mestiere e non possiamo che difenderlo. à” un mestiere bello, nutre dei sogni. E credo che ci sia anche una bella fetta del popolo di Internet che si nutre in buona fede di sogni; poi ci sono quelli che approfittano di questo atteggiamento per strumentalizzarlo e trovare un alibi per fare il proprio mestiere di pirati. Sul tema non c’e’ stata molta sensibilita’, un po’ perche’ non sempre il problema e’ stato chiaro a tutti gli editori e ai giornalisti, un po’ perche’ buona parte del mondo politico ritiene che il popolo di Internet rappresenti una messe che incarna la modernita’ su cui investire”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti