RAI: MINOLI, UN DIRETTORE GENERALE PER CONCORSO

DIAMO UN TG A SANTORO, IDENTITA’ NAZIONALE NON E’ SOLO IN NEWS

(ANSA) – ROMA, 20 MAR – “Le grandi opere si progettano con concorsi internazionali. La guida della Rai non è una grande opera culturale? E il progetto editoriale meriterebbe un concorso aperto, pubblico, trasparente”. A proporre un Dg per concorso in Rai è Giovanni Minoli che in un’intervista a Repubblica lancia alcune proposte per cambiare l’azienda. Intanto, spiega, includere il canone Rai nella bolletta della luce, in modo da trovare “i 400 milioni di euro che oggi sono evasi per fare a meno della pubblicità “, poi i tg lasciati ai partiti, tanto “nel mondo nuovo dei canali all news conterà  sempre di meno”. “Puoi anche far condurre a Michele Santoro il telegiornale – dice Minoli – Sapendo che l’identità  nazionale la costruisci e la narri non solo attraverso le notizie”, ma “anche nei sabato sera”. La prima a candidarsi nell’ipotetico concorso per dg, prosegue il dirigente Rai, dovrebbe essere la stessa Lorenza Lei, che “ha il diritto di dire cosa farebbe e come se non la si obbligasse a convivere con nove amministratori delegati”. “Anziché sbattere il muso contro la legge Gasparri – aggiunge – correggerei e perfezionerei singole norme della legge”, “aumenterei il potere di decisione e il budget in carico esclusivo al direttore generale”. Senza la preoccupazione di pubblicità  e share, inoltre, si ha modo secondo Minoli di sperimentare e di “promuovere in prima serata nuovi talenti”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi