EDITORIA: COSTA (MONDADORI), SU LIBRI FONDATI TIMORI DI RCS

A.D. SEGRATE, IN 2012 PUNTIAMO A ULTERIORE TAGLIO 30 MLN COSTI

(ANSA) – MILANO, 19 MAR – “Le preoccupazioni espresse da Rcs” a proposito del mercato dei libri “non sono infondate”. Così l’amministratore delegato di Mondadori, Maurizio Costa. “In particolare troviamo pericoloso l’effetto combinato della riduzione del prezzo medio con l’andamento negativo dei consumi”, aggiunge Costa, confermando che il mercato sta faticando anche in questo inizio di 2012. Mondadori conferma che ha intenzione di rivisitare e potenziare le sue strutture di retail librarie, anche integrandole con le iniziative di e-commerce, così come ribadisce la validità  degli investimenti nel settore radio dove ha raggiunto di fatto il break even operativo e dove sta valutando acquisizioni o alleanze “per avere uno scatto dimensionale”, dice il manager in un incontro con gli analisti finanziari. La società  di Segrate sta invece valutando la “coerenza con le altre attività  del gruppo” delle iniziative di giochi online, con una generale concentrazione sulle attività  editoriali per le iniziative del settore digitale. In generale Mondadori punta quest’anno a un’ulteriore riduzione dei costi per circa 30 milioni di euro, dopo i ridimensionamenti molto più ingenti, in particolare nel comparto del personale, nel biennio precedente. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari