Cinema/”17 ragazze” vietato ai 14. La regista: censura immotivata

Roma, 20 mar. (TMNews) – La regista francese Muriel Coulin trova “ingiustificato” il divieto ai 14 anni posto dalla censura italiana al suo film “17 ragazze”, che racconta di un gruppo di adolescenti che decidono di rimanere incinte allo stesso tempo: “Mi sorprende che questo succeda in un Paese dove l’ex presidente del Consiglio allietava le sue serate con una minorenne” ha affermato la regista, oggi a Roma. Il divieto è stato posto per “pericolo di emulazione” di comportamenti trasgressivi, come il fumo e la guida spericolata in “condizioni di salute particolari”, ma la Coulin ha spiegato: “Abbiamo mostrato il film in 20 Paesi, dall’India agli Usa, e non abbiamo mai avuto problemi: gli adolescenti hanno discusso e avuto reazioni costruttive ovunque. Sono dispiaciuta del divieto”.
L’idea del film (nelle sale il 23 marzo)nasce da una storia realmente successa in una cittadina del Massachusetts, che le sorelle Delphine e Muriel Coulin hanno deciso di trasporre a Lorient, città  francese che viveva grazie all’industria del pesce e oggi è avvolta dalla crisi: “In questo fatto di cronaca ci ha interessato l’atto di ribellione e l’utopia collettiva delle ragazze, che non accettano il futuro che gli viene prospettato” ha spiegato la regista. In Francia il film è stato accusato di “apologia della gravidanza collettiva”, ma Coulin ha commentato: “Il messaggio del film è chiaro: la gravidanza è un fatto individuale, è folle pensarla diversamente. A noi interessava solo raccontare delle ragazze che, in Usa come in Francia, non si accontentano del futuro che le aspetta”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo