LAVORO: PUNTOEACAPO (FNSI), NORMA DELETERIA PER DIRITTI IN EDITORIA

(AGI) – Roma, 20 mar. – Forti perplessita’ sulle indiscrezioni che emergono a proposito delle trattative per la riforma del lavoro sono subito espresse da Puntoeacapo, componente della Federazione nazionale della Stampa. “Ipotizzare la possibilita’ di licenziamenti ad personam e senza giusta causa al di fuori delle attuali norme di legge equivale ad affermare – e’ detto in un comunicato – la sostanziale liberalizzazione selvaggia del mercato del lavoro. Una norma che sarebbe ancora piu’ deleteria in un settore come l’editoria dove da anni si tenta di annullare il complesso dei diritti acquisiti in decenni di battaglie sindacali e in definitiva precarizzare una professione fondamentale per l’esercizio della vita democratica del Paese”. Quindi c’e’ l’invito ai sindacati confederali e alle altre parti sociali “a non prestare il fianco a questo attacco ai diritti”. Al tempo stesso la componente Puntoeacapo si dice “colpita ma non stupita dal silenzio della Fnsi su questa partita strategica che potrebbe coinvolgere l’intera professione giornalistica”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari